Pagina 49 di 54« Prima...102030...4748495051...Ultima »

Insalata di frutta e di succo di mirtilli

La foto è volutamente generica, perché in un insalata di frutta ci si può mettere veramente tutta la frutta che si vuole, quella che propongo è solo una delle tante combinazioni possibili.

Io adoro la frutta, la macedonia in particolare. La mangerei ogni giorno e ne mangerei a quintali. Mi piace semplice, elaborata, con il liquore e senza il liquore. Questa è solo una delle tante, buonissime ricette con la frutta a pezzi.

Ingredienti per 4 persone:

2 mele rosse;

300 gr di fragole piccole;

16 acini di uva nera;

150 gr di mirtilli;

3 cucchiai di succo di limone;

2 arance;

50 gr di miele;

3 vasetti di yogurt bianco;

50 gr di fiocchi di cereali.

Preparazione:

Sbucciamo le arance in modo abbastanza profondo, dividiamole a spicchi cercando di eliminare la pelle bianca, in modo che rimanga il solo frutto spoglio.Laviamo gli acini d’uva e le fragole e tagliamole a pezzi ( se sono piccoli semplicemente a metà). Schiacciamo la metà dei mirtilli con uno schiacciapatate e raccogliamone il succo. Sbucciamo le mele, tagliamo anche queste e bagniamole con 2 cucchiai di succo di limone. Versiamo il miele in un pentolino, uniamo il succo di mirtilli, un dl di acqua e il succo di limone rimanente. Facciamolo bollire finché il tutto non si sarà ristretto circa della metà. Versiamo la frutta in una ciotola, uniamo i mirtilli e mescoliamo. Serviamo il tutto il delle belle coppe individuali dopo aver aggiunto sopra lo yogurt, i cereali e il succo di mirtilli.

Verza imbottita

 

Involtini di verza imbottiti di Erika

Gli involtini di verza imbottiti di Erika :)

La verza imbottita ancora non l’ho provata personalmente, ma chi me ne ha suggerito la ricetta  l’ha fatto con tanto slancio che onestamente non posso mettere in dubbio la bontà del piatto. Non avevo nemmeno una foto, ma proprio oggi nel gruppo di fb una cara amica ha postato dei mini involtini di verza, che sono praticamente uguali, solo più piccoli, e ho deciso di utilizzarla per avere almeno un’idea di come potrebbe uscire il piatto. Io non amo la verza, anche se chi la mangia me ne decanta bontà e proprietà, ma abbiate pazienza, non posso proprio mangiare tutto tutto, vi pare? Però nonostante questo, ho delle persone di fiducia, delle quali conosco la cucina, dalle quali prendo serenamente le ricette anche se non conosco il piatto in questione, come questa ricetta della verza imbottita. La foto quindi è quella degli involtini di Erika, dei quali troverete la ricetta precisa nelle varianti, ma sappiate, e lo dico perché me lo ha detto anche lei, che questa è una rivisitazione della ricetta della verza imbottita della quale mi ha decantato la bontà . Magari se qualcuno si volesse cimentare tra le padelle non è che mi farebbe il favore di farmi avere una foto di questa verza imbottita? ;)

Leggi il resto di questo articolo »

Zucchine ripiene

zucchine ripiene

Queste zucchine ripiene sono prese come immagine rappresentativa da internet, solo che onestamente non mi ricordo più da dove. Nel caso il proprietario vedesse la foto è pregato di contattarmi e verrà citato come fonte, sempre se non farò prima una foto mia :)

Le zucchine ripiene.
Sono buonissime, inutile che ve lo neghi, sono zucchine e quindi per me sono il massimo (almeno da qualche mese a questa parte). Il fatto che siano leggere è sicuramente un incentivo a consumarle di continuo senza però annoiarsi con il solito piatto, visto che possono essere servite in mille modi differenti. Le mie bambine le adorano se accompagnate da qualche fettina di patata messa insieme alle zucchine, a cuocere nel forno. Il ripieno poi può anche essere differente, io le ho provate anche con un ripieno vegetariano, ugualmente ottime, a presto anche quella ricetta :)

Leggi il resto di questo articolo »

Gran bollito con mostarda

Dunque, ho assaggiato una sola volta il bollito e devo dire che è veramente MOLTO buono. Purtroppo però è anche MOLTO grasso, ed io onestamente, per il bene delle bambine evito di fare piatti così pesanti. Se qualche adulto però si volesse cimentare, assicuro che è un piatto veramente sopraffino :)

Ingredienti per 8 persone:

1 gallina da 1.200 kg circa;

500 gr di petto di vitelli;500 gr di biancostato di manzo;

1 cotechino da 500 gr;

1 carota, una costa di sedano, 3 rametti di prezzemolo, 1 spicchio di aglio, 2 cipolle;

400 gr di mostarda cremonese;

sale q.b.

Preparazione:

Mettiamo in una pentola grande circa 4 litri di acqua, le cipolle sbucciate, la carota e la costa di sedano pulite e tagliate a pezzetti, il prezzemolo lavato e l’aglio. Copriamo e portiamo a bollore. Laviamo la carne di vitello e di manzo e immergiamola nell’acqua bollente. Puliamo quindi la gallina eliminando ogni peluria residua, laviamola dentro e fuori e aggiungiamola all’altra carne nell’acqua bollente. Abbassiamo la fiamma e lasciamo bollire il tutto schiumando di tanto in tanto il brodo. Nel frattempo mettiamo  in abbondante acqua fredda il cotechino e facciamolo cuocere piano (a fuoco basso), per circa due ore. Togliamo la gallina dal brodo dopo circa un’ora e dopo circa altri 45 minuti togliamo il vitello. Per il manzo dovremo invece aspettare un ulteriore quarto d’ora. Quando tutte le carni saranno cotte facciamole scaldare qualche minuto nel brodo e poi tagliamole e disponiamolo in circolo in un piatto da portata ovale con al centro la mostarda e qualche bastoncino di sedano.

Trippa alla marchigiana

Ok, devo dire la verità. A me la trippa proprio NON mi piace. Non son mai nemmeno riuscita ad assaggiarla. Conosco però diverse persone che ne apprezzano il gusto, quindi, visto che questa ricetta mi è stata gentilmente passata, mi sembra di fare la cosa più giusta facendola conoscere a chi, questo piatto, lo mangia volentieri e con gusto.

Ingredienti per 4 persone:

1 kg di trippa;

100 gr di lardo;

250 gr di cotenna di maiale;1 pezzetto di osso di prosciutto;

1 pezzetto di osso di prosciutto;

1 cipolla, 1 carota, 1 costa di sedano, 1 spicchio di aglio, 2 rametti di prezzemolo, 1 rametto di maggiorana;

2 cucchiai di conserva di pomodoro;

80 gr di parmigiano grattugiato;

1 limone;

6 fette di pagnotta rustica;

sale q.b.

Preparazione:

Per prima cosa laviamo MOLTO bene la trippa, tagliamola a pezzi grossi e facciamola bollire in acqua salata per circa due ore, quindi togliamola dall’acqua e tagliamola ancora in listarelle. Tritiamo il lardo, e puliamo la carota, il sedano, la cipolla tritando tutto e aggiungendoci il prezzemolo. Facciamo quindi rosolare le verdure unendo un pezzetto di scorza di limone e la maggiorana. Tagliamo a listarelle anche la cotenna di maiale, laviamola e aggiungiamola al tegame del soffritto insieme all’osso di prosciutto. Aggiungiamo la trippa, saliamo a piacere, uniamo i due cucchiai di conserva di pomodoro diluita con un pochino di acqua calda. Facciamo cuocere per due ore circa aggiungendo un pochino di acqua bollente ogni volta che il tutto tende ad asciugarsi. A cottura ultimate togliamo l’osso del prosciutto, la scorza di limone e la maggiorana e versiamo la trippa nei singoli piatti cospargendola di abbondante parmigiano grattugiato e accompagnandola con il pane tostato ancora caldo.

Pagina 49 di 54« Prima...102030...4748495051...Ultima »
Seguiteci su
Calendario
aprile: 2019
L M M G V S D
« feb    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930