Paella di pesce

Paella alla valenciana

La mia paella, abbiate pazienza, niente guarnizioni fantastiche, perché è quella che sono riuscita a salvare per fare la foto, l’avevamo già mangiata quasi tutta :\

La paella è una specialità spagnola molto diffusa in tutto il mondo. Si di ce che in principio la paella fosse sostanzialmente un piatto costruito con gli avanzi dei giorni delle feste, ed è appunto per questo motivo che ogni parte della Spagna ha una sua variante. Se ci si pensa bene, in effetti, la paella è una accozzaglia di ingredienti uniti tutti insieme, dal pesce alle verdure e alla carne, in alcune varianti, che però io trovo un pochino troppo estreme, ci si trovano addirittura la carne e il pesce insieme. Comunque vada credo che ognuno di noi, almeno una volta nella vita, abbia assaggiato la paella, sopratutto gli amanti dei risotti non possono essersela lasciata sfuggire. Era da parecchio tempo che dovevo metterne la ricetta, ma con tutte quelle in arretrato che ho, non riuscivo mai a quagliare la cosa. Ieri però un ragazzo iscritto al sito dove curo una piccola rubrica di cucina mi ha chiesto nella specifico una ricetta spagnola, ed ecco che ho colto la palla al balzo. Preparare la paella non è particolarmente difficile e sarà di sicuro effetto come piatto unico ad un pranzo con gli amici. Cominciamo?

Ingredienti per una paella per circa 4 persone:

  • 300 gr. di riso carnaroli;
  • 500 gr. di cozze;
  • 500 gr di vongole;
  • 200 gr di gamberetti ( io per comodità prendo quelli surgelati, nel caso voi abbiate preferito i freschi sbollentateli per 2 minuti in acqua salata);
  • 500 gr. di calamaretti;
  • 8/10 gamberoni;
  • 250 gr. di pisellini novelli;
  • 1 peperone rosso;
  • 4 cucchiai di olio e. v. d’oliva;
  • 2 litri di brodo (di verdure o di pesce, come preferite, io uso il dado granulare di pesce);
  • 1 bicchiere di passata di pomodoro;
  • 1 bicchiere di vino bianco secco;
  • 1 cipolla;
  • 2 spicchi d’aglio;
  • 2 bustine di zafferano;
  • sale e pepe nero q.b.

Preparazione:

Mettiamo a bollire una pentola di acqua da 2 litri per preparare il brodo.

Puliamo bene le cozze e le vongole con una spazzolina, in modo da togliere le incrostazioni dai gusci.
Laviamo anche i calamaretti e tagliamoli a rondelline.
Laviamo e affettiamo il peperone a listarelle.
In una padella capiente mettiamo 1 cucchiaio di olio, uno spicchio di aglio e il peperoncino e facciamo rosolare. Aggiungiamo il vino, le cozze e le vongole e facciamole aprire. Spegniamo, eliminiamo i gusci delle cozze e delle vongole (ma teniamone qualcuna intera per la guarnizione del piatto) e teniamole da parte. Filtriamo l’acqua di cottura e aggiungiamolo al brodo per dargli ulteriore sapore.
Nella padella che andremo ad usare per cuocere la paella mettiamo il restante olio e lo spicchio di aglio e la cipolla tritata fine, facciamo rosolare finché la cipolla non si sarà ammorbidita e poi facciamo cuocere i gamberoni e i gamberetti. Dopo che avranno preso colore togliamoli e teniamoli da parte. Buttiamo invece l’aglio.
Adesso cuociamo i calamaretti , i peperoni e i piselli. Dopo 5 minuti aggiungiamo anche il bicchiere di passata di pomodoro e cuociamo per altri 5 minuti.
Aggiungiamo adesso il riso, lo zafferano e facciamolo tostare per 3 minuti, mescolando continuamente per farlo tostare bene.
Ora cominciamo la vera cottura del riso aggiungendo il brodo mestolo a mestolo, riaggiungendolo ogni volta che andrà a ritirarsi troppo. Continuiamo in questo modo fino alla cottura del riso, mescolano di tanto in tanto.
Quando mancano circa 10 minuti alla cottura aggiungiamo anche le cozze, le vongole, i gamberoni e i gamberetti e ultimiamo la cottura con tutti gli ingredienti.
Servite in piatti singoli guarnendo con i gamberoni, le cozze e le vongole.
Buon appetito!
Paella nera di Annalisa Manconi

Con questa foto, la bravissima Annalisa, una ragazza che fa parte del nostro gruppo su facebook, ci dimostra che la paella, se cucinata con il riso venere, è anche un piatto di un forte impatto visivo. Pensate un po’ al figurone con amici e parenti nel servire una paella così bella.

 

I Commenti sono chiusi

Seguiteci su
Calendario
settembre: 2019
L M M G V S D
« feb    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30